La meraviglia della manicure vegana: assolutamente da provare

Se vuoi fare del bene al pianeta ma senza rinunciare allo stile, la manicure vegana è ideale. Ecco in cosa consiste questo ultimo trend, non fartelo scappare!

Prima di continuare, ti ricordo che è disponibile, per ricevere le notifiche delle nostre ricette, il canale Telegram, cliccando qui oppure il gruppo Whatsapp, cliccando qui. Unisciti anche tu per non perdere le ultime novità.

Perché bisognerebbe evitare gli smalti normali?

Gli smalti utilizzati per la manicure sono quasi sempre pieni di sostanze chimiche che a lungo andare possono causare danni all’organismo oltre a inquinare l’ambiente una volta terminati. Le boccette vengono, infatti, rilasciate nelle discariche e sono impossibili da riciclare. La manicure vegana vuole invece salvaguardare entrambi gli aspetti per cui nella loro formulazione non è presente nessun tipo di sostanza chimica. Questo discorso interessa anche le tante persone che soffrono di allergie o dermatiti, per cui devono rinunciare a una manicure curata.

Molti potrebbero pensare che essendo introdotti in commercio, gli smalti normali siano a controllati e sicuri, ma in realtà tutti i prodotti cosmetici per le unghie non vengono approvati per cui la pelle continua ad assorbire sostanze nocive. C’è bisogno di un cambiamento di tendenza che sproni chiunque a prediligere la manicure vegana invece di quella tradizionale. Non si parla di un trattamento costoso disponibile solo in un salone di bellezza ma di semplici operazioni da poter effettuare a casa.

manicure vegana

Manicure vegana è uguale alla manicure bio?

Un altro aspetto da considerare è che la manicure vegana non utilizza nessun ingrediente che viene testato sugli animali o che provenga da essi. Ciò non è un sinonimo di manicure bio in quanto quest’ultima è composta da una serie di cosmetici di origine animale e vegetale, mentre la manicure vegana proviene solo da vegetali o minerali.

Come eseguire una manicure vegana

Continua dopo gli annunci…

Il primo passo è pulire le unghie e disinfettare le mani con un tea tree oil o un olio a base di aloe vera o mandarino; in seguito, bisognerà eliminare tutte le cuticole perciò andranno bene i vari ingredienti naturali esfolianti come cannella o farina di cocco. Per quanto riguarda lo smalto, esistono intere collezioni di smalti vegani di alta qualità per cui basterà semplicemente scegliere la colorazione giusta. Infine, ogni manicure che si rispetti termina con un top coat in modo da preservare la durata dello smalto e dare lucentezza, in questo caso si utilizza la mica che è una sostanza capace di donare una finitura semipermanente. Non dimenticare l’idratazione, ovvero quel momento finale dopo lo smalto che elimina la secchezza delle cuticole e migliora l’aspetto finale. In questo caso è bene utilizzare del semplice burro di karité o una crema di cocco o calendula.

Lascia un commento

Change privacy settings